10 modi per migliorare l’autostima: significato e tecniche

L’autostima, l’annoso problema fra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere. L’autostima è una capacità, quella di avere un buon rapporto con se stessi. Essa é la base per instaurare un buon rapporto con gli altri e col mondo che ci circonda.

L’autostima non implica necessariamente il volersi esattamente così come si è, non esclude il cambiamento o il miglioramento, ma realizza la capacità di sapersi apprezzare, saper riconoscere i propri punti di forza e apprezzarli.

Quando pecchiamo di disistima? Quando non siamo in grado di individuare il buono che c’è in noi, sminuendo le nostre qualità o amplificando i nostri difetti. E questo spesso accade proprio per i modelli che la società ci impone, in particolare i mass media, non solo estetici ma anche relativi alla personalità.

Ebbene si, perché l’autostima non riguarda solo l’aspetto fisico, la taglia 40 o la forma del naso. L’autostima contempla anche e soprattutto l’accettazione della propria personalità, del proprio carattere, del proprio io, all’interno del mondo che ci circonda.

Come migliorare l’autostima?

Non basta utilizzare la ragione e imporsi un’accettazione che non viene da dentro. Uno sforzo in tal senso non può avere alcun effetto positivo. È necessario predisporre un diverso atteggiamento mentale, che riguardi il passato ancor prima del presente. Accettare ciò che è stato, ciò che si è fatto o non fatto, gli errori commessi.

Non immergersi in un continuo sforzo di cambiamento, ma imparare a valorizzare al massimo ciò che la natura ci ha reso. Non sei una taglia 40? Studia la forma del tuo corpo e acquista vestiti che diano massimo risalto ai tuoi punti di forza. Ciò non significa non aver cura del proprio corpo attraverso l’attività fisica o l’alimentazione corretta, ma averlo nei limiti della salute e non dell’ossessione maniacale. Non sei estroversa? E chi l’ha detto che la timidezza sia un difetto? Tanti uomini apprezzano questa caratteristica nella partner, la associano all’educazione e alla compostezza della persona.

Pertanto impara a guardarti da un altro punto di vista, panoramico. Cosa significa? Individua la causa della tua disistima, e parti da li. È proprio dall’autovalutazione e dalla riflessione che bisogna partire per iniziare a vivere meglio con se stessi.
Va bene, dal punto di vista teorico il concetto è arrivato…

Ma nella pratica? Come aumentare l’autostima?

  1. Fate degli elenchi, relativi ai vostri punti di forza, ai vostri successi e alle cose che ammirate di voi stessi. Dopodiché portate le liste con voi e leggetele regolarmente.
  2. Curatevi, curate il vostro aspetto e l’igiene personale, come il vostro abbigliamento.
  3. Prestate attenzione all’alimentazione e al momento del pasto, date importanza a questo rito quotidiano sia attraverso la preparazione di piatti sani ma anche visivamente appetibili, sia attraverso il dialogo e la comunicazione.
  4. Focalizzate ciò amate fare al di fuori dei vostri impegni quotidiani e ritagliatevi periodicamente dei momenti per farlo. Che sia una mostra d’arte, una lettura, uno sport o la fotografia, prendetevi del tempo che sia solo ed esclusivamente dedicato alla vostra persona.
  5. Cercate inoltre di vivere in un ambiente pulito e ordinato, e circondatevi di oggetti per voi piacevoli, una foto, una lampada, qualsiasi cosa vi risulti gradito.
  6. Frequentate persone, uscite, comunicate, organizzate. La vita sociale è indispensabile per sviluppare quel senso di autostima di cui stiamo parlando. Evitate invece persone che non sono di vostro gradimento. Il tempo è già poco, utilizzatelo solo per stare bene. Basta un caffè, con la persona giusta.
  7. Smetti di fare inutili paragoni con gli altri, tu sei unico, proprio come gli altri, e non devi tendere a nessuno se non a te stesso, nella migliore prospettiva possibile.
  8. Sii altruista, far stare bene gli altri avrà un effetto boomerang sulla tua persona e sul tuo benessere. Inoltre aiuta ad avere la giusta prospettiva e a capire quanto, a volte, si trascuri la propria fortuna, lamentandosi di cose futili e di poca importanza. Basta poco, piccoli gesti quotidiani, un complimento,una parola positiva.
  9. Ricorda lo scopo o gli scopi della tua vita, e perseguili. Senza ansia o fretta, ma con l’ottimismo di chi ogni giorno si alza con una missione e ciò basta a renderlo felice.
  10. Non stigmatizzare i tuoi errori, piuttosto ricordali e di ognuno di essi rammenta la lezione imparata.

L’autostima, si sa, cambia nel corso della vita anche a causa degli eventi e delle circostanze. Ma anche in base all’età e all’esperienza. E voi, ad autostima come siete messe?

Leave A Reply

Your email address will not be published.